Blog: http://nefeli.ilcannocchiale.it

nemmeno oggi mi hanno ammazzato (clima elettorale)

Sull'autobus, sostenuta a sinistra da un gomito nelle costole e a destra da un ginocchio sugli stinchi, ho potuto godere di una conversazione tra due esponenti della "vecchia guardia" politica.
Primo anziano, dal fondo del bus, con voce roca: "In Itaglia c'avemo migliaglia de ommecidi che je l'avemo detto a tutti i tribbunali internazzionali ma nun ce sente nessuno."
Secondo anziano, voce acuta a meta' dell'autobus: "E' che ce stanno 33 partiti in Itaglia, che e' una vergogna che nun ce sta in nessun paese..."
Primo anziano: "Ma chi e' che sta a di' 'ste cose? Ma chi sei? Sei un fascista!"
Secondo anziano: "Sei te che sei 'n communista!"
Primo anziano: "Si', so' 'n communista, e allora? Mica c'ho Fini ner partito mio..."
Secondo anziano: "Fini? Nun l'ha voluti lui li attacchi de li terroristi... come voi!"
Primo anziano: "Je deve da pija' 'n corpo a Fini" (trad= auguro a Fini una salute simile a quella di Bossi)
L'autobus frena bruscamente e si appoggia a un sostegno, a un millimetro dalla mia faccia, una mano nodosa e forte di antica fatica. All'anulare ha due fedi: una piu' larga e piatta, l'altra chiara e sottile, piu' stretta, che quasi gli strangola il dito.
E si e' improvvisamente fatto silenzio.

Pubblicato il 9/4/2006 alle 12.44 nella rubrica nemmeno oggi mi hanno ammazzato.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web