Blog: http://nefeli.ilcannocchiale.it

nemmeno oggi mi hanno ammazzato (due femmine)

Andando verso il supermercato incontro due signore grasse in ciabatte, col carrello a traino che chiacchierano in mezzo al marciapiede e non mi lasciano passare. Mi vedono arrivare da lontano, uno sguardo distratto, poi rivolgono la testa di nuovo l'una verso l'altra. Una si mette la mano aperta alla base della guancia, poggia leggermente il capo sul palmo e dice: "non mi dire..." L'altra annuisce energicamente e si tira in giu' il maglione grigio "si ti dico, si ti dico."
Faccio il giro passando tra gli interstizi delle macchine in doppia fila.
Al supermercato una mamma con  bambina di tre anni in carrozzina tiene il braccio teso verso il frigo con i latticini. La bambina urla, la mamma, senza guardarla, dice pacata: "Se l'hai buttato vuol dire che non vuoi niente. Se l'hai buttato vuol dire che non vuoi niente." Non mi lascia passare, faccio il giro tra pile di scatolame e carrelli incastrati.
Tornando verso casa con le mie buste, alla svolta dell'angolo piu' desolato prima del mio palazzo, un uomo magro, brizzolato e mal rasato urla: "Due femmine, due femmine, signori! Troie invertite figlie di Eva. Due femmine hanno commesso il grande peccato. E tutte le altre saranno punite perche' sono come loro."
Gli volgo le spalle e cammino in fretta, incerta se ho fatto bene. "Sono tutte come loro!" urla.

Pubblicato il 30/10/2005 alle 11.58 nella rubrica nemmeno oggi mi hanno ammazzato.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web