Blog: http://nefeli.ilcannocchiale.it

Afa

Il ruggito dell’afa spinge contro le persiane,
travalica i muri di legno e gesso,si nasconde nell’oscura ombra
di un salice, forse tra lebacche di carruba.
Non contiene nulla che sé, si acquatta,
misterioso gatto, tra i radi fili d’erba
e si nutre dell’impotenza del creato
di fronte al magnificare della sua presenza.

Pubblicato il 19/6/2008 alle 12.5 nella rubrica Poesie politiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web