.
Annunci online

nefeli

Ennesimo cicale e grilli

Poesie politiche 16/7/2008

Di giorno s’alza il frinire delle cicale e s’incurva nella volta della notte
quando i grilli accolgono quel suono e lo insegnano alla terra.
Fastidio e paura, come al pianto di un bambino,
ignoriamo la coltre di suono che entra nelle nostre case
e impariamo a dormire come se le zampe veloci dei grilli fossero nenie.
Sappiamo che il sole al suo ritorno fermerà quel suono e i grilli torneranno
nel buio sconosciuto da cui sono comparsi. Le cicale
riprenderanno il canto loro monocorde che non porta a niente
perché le nostre orecchie non colgono l’allontanarsi di uno dal gruppo.
Udiamo solo un sibilo uniforme ma noi, uomini, noi
non possiamo vedere l’originalità di uno dal gruppo.



permalink | inviato da nefeli il 16/7/2008 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

EMINEM

paura dei moderni 14/7/2008

Per chi non avesse mai sentito una canzone di Eminem o, molto più probabilmente, non ne avesse colto il significato, vi presento qui la traduzione di una delle sue liriche più importanti

WHITE AMERICA
Vorrei che si tenesse conto del fatto che non sono riuscita nell'arduo compito di restituire le raffinatezze vocali, ritmiche e melodiche della canzone. Ascoltandola, vi renderete conto che usa la voce spesso come una sorta di strumento, cioè mettendo delle parole l'una accanto all'altra perché diano un effetto sonoro da ipnosi.

Clicca qui per sentire la canzone (live, abridged)

Clicca qui per sentirla tutta


AMERICA DEI BIANCHI


America! Ahahahah! Ti amiamo!
Quante persone sono orgogliose di essere cittadini di questa nostra bella nazione?
Le strisce e le stelle per i diritti che tanti uomini sono morti per proteggere
donne e uomini che si sono rotti l’osso del collo per la libertà di parola
che il governo degli Stati Uniti ha giurato di mantenere
...almeno così ci è stato detto.


Non mi sarei mai sognato che avrei visto
così tante persone, cazzo, che sentono come me
che condividono gli stessi punti di vista e proprio le stesse cose in cui credo
cazzo, sembra proprio un esercito che marcia  dietro di me.
Ho toccato così tante vite, tanta rabbia che non punta
a un bersaglio preciso, e che vomitano ovunque 
e passano direttamente per le vostre radio, si ripetono e si ripetono
fino a che rimangono imprigionate nelle vostre teste per giorni e giorni.
Che l’avrebbe mai pensato che mentre ero in preda alla disperazione e mi schiarivo i capelli
con dell’acqua ossigenata, afferrando una maglietta da mettermi
sarei stato catapultato all’avanguardia del rap in questo modo?
Come avrei potuto predire che le mie parole avrebbero avuto un tale impatto?
Devo aver toccato un punto dolente di qualcuno al potere
perché il Congresso [degli USA] continua a ripetere che non faccio altro che causare problemi
E adesso mi dicono che sono nei guai col governo – che goduria!
Ho spalato merda tutta la vita e ora la sto scaricando sull’America dei bianchi:
potrei essere uno dei vostri figli.
Ame3rica dei bianchi: la giovane Erica mi somiglia proprio.
America dei bianchi: A Erica piace la mia roba.
Vado a TRL[1], guarda in quanti mi abbracciano!



Guardami negli occhi, azzurro chiaro, da bambino come i tuoi
se fossero stati scuri Shady[2]  avrebbe perso, Shady sarebbe stato messo su uno scaffale
Ma Shady è carino, Shady lo sapeva che le sue fossette lo avrebbero aiutato
Avrebbero fatto impazzire (ooooh amore mio!) Guarda quanto vendo
e facciamo due conti – se fossi stato nero avrei venduto la metà
non mi devo mica diplomare al liceo Lincoln per saperlo
Ma so fare bene il rap, quindi fanculo alla scuola (Springsteen) sono ormai troppo fico per tornare indietro
Dammi un microfono e dimmi dove sta ’sto cazzo di studio di registrazione.
Quando ero una nullità non gliene fregava a nessuno che ero bianco
nessuna casa discografica mi scritturava, avevo quasi rinunciato – pensavo
andate a farvi fottere – fino a che ho incontrato Dre[3], l’unico che ha guardato oltre.
Mi ha dato una possibilità e gli ho incendiato il culo[4]
L’ho aiutato a tornare in cima alle classifiche, ogni fan nero che ho
veniva probabiilmente da lui in cambio di ogni fan bianco che ha acquistato.
Tipo, porca miseria, ce li siamo scambiati – e a ripensarci adesso, wow
penso che forse la mia pelle sta cominciando ad aiutarmi?

Dovete capire che il proble sta nel fatto che parlo ai ragazzi borghesi
che altrimenti non saprebbero nemmeno che queste parole esistono
alle cui madri probabilmente non gliene fregava un cazzo di me
fino a che ho fatto nascere tanto fottutissimo casino!
Sparato dal tubo catodico sono arrivato dritto dritto nei vostri salotti
E i ragazzi non ci potevano credere che il mio produttore era Dre.
E’ bastato questo per catturarli immediatamente
E entrarono in sintonia anche con me perché gli somigliavo.
Ecco perché hanno passato i miei testi al microscopio
cercando il pelo nell’uovo, è come una corda
che aspetta di strangolarti, che si stringe attorno al mio collo
e loro mi guardano mentre scrivo queste parole, come se a me ne importasse qualcosa (No!)
Sento solo dire: versi, versi, controversia costante, sponsor che lavorano 24 ore su 24 per cercare di impedire al più presto che canti a ognuno dei miei concerti, e certo
l’Hip-Hop non è mai stato un problema a Harlem, solo a Boston
dopo che ha dato fastidio ai padri di ragazzine che cominciavano a sbocciare
così adesso mi fanno pubblicità gli attivisti che mi fanno il pelo e il contropelo
come se io fossi stato il primo rapper a prendere a schiaffi una stronza o a dire frocio, merda!
Guarda solo come se fossi il tuo migliore amico
il rappresentante, un cazzo di portavoce di questa

America dei bianchi!


E dunque per i genitori d’America
sono un fucile a canne mozze puntato verso la piccola Erica, per distruggerne il carattere
come fossi il capobanda di questo circo di pedoni sgangherati
mandato a guidare la marcia fino alle porte del Congresso
e a pisciare sui prati della Casa Bianca
a bruciare la bandiera e sostituirla con uno striscione che ammonisce i genitori di minorenni
a sputare alcolici in faccia a questa democrazia ipocrati
Fanculo signora Cheney! Fanculo Tipper Gore!
Fanculo con la massima libertà di parola.
che questi Stati Divisi Imbrarazzanti mi permettono di avere.
Fottetevi!


1. TRL Total Request Live, una trasmissione che dà la possibilità ai cantanti di incontrare i propri fan (naturalmente, maggiore il numero dei fan, maggiore lo status del musicista)

2. Slim Shady (più o meno vuol dire magro ombroso) è il soprannome di Eminem

3. Doctor Dre è il più famoso produttore di musica Rap. Prima di Eminem non aveva mai scritturato un bianco.

4. Modo di dire che indica far emozionare molto qualcuno grazie a uno strepitoso successo.



permalink | inviato da nefeli il 14/7/2008 alle 22:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

CRONACHE MARCHIANE

Diario 10/7/2008

Se volete perdere quel poco di fiducia che avete sull'informazione televisiva e non in Italia, seguite le Cronache Martchiane.
In primo piano oggi:

Articolo su Repubblica.it, "I teppisti avevano atteggiamenti Punk". Atteggiamenti Punk?

Il nuovo album di Carla Bruni, secondo Videtti è "tutto come prima eppure niente come prima"




permalink | inviato da nefeli il 10/7/2008 alle 6:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

Postumi della Rupe Tarpea

Poesie politiche 9/7/2008

Il bambino in bicicletta che ti passa presto accanto
ha lo sguardo intento e vivo ondeggiante in quell’incanto
ch’è sospendersi dal suolo senza peso su due ruote
con il vento che bilancia e comanda il cammino.
Guardi un poco sulla destra, impari il ritmo senza voce
del fratello di anni in corsa verso il canto di cicale
che nel sole e controluce lasciano il segno di una spada,
sibilare sottovoce le parole di un mistero senza nome.
Mentre passa tempo e vita tra le ruote di un destino
che natura e caso inerte ti permette di guardare,
tieni in fondo agli occhi presti il pianto secco
che permane senza esistere  nella strana carrozzella.
Fosse ammesso a questa vita di lasciare la tua sella,
fresco in prati e ombreggiar di pini,
potresti un giorno dire al padre la parola che si aspetta.
Il suo suono singolare: “Padre mio non stare in pena
perché quando tutto tace, il tuo figlio sembra inerte,
ma conosce che ti piace pensare il tempo di mia vita
raro eterno di quel mondo, che un giorno passeggiando
hai sorpreso in altra forma: quella che non t’ho mai dato,
ma il futuro circospetto m’ha serbato solo il grido
che ha te sembra senza scopo ma è amore infinito
per chi spinge le mie ruote alla fine della strada
che non è a mia portata né si adatta alla sorpresa
di sapermi sottomesso alla vita e al movimento.
Ora, padre, pensa a me ancora come al figlio senza insegna
di un futuro poco attento allo spasmo, alla mia vita.
La gioia d’esistere è sempre infinita.



permalink | inviato da nefeli il 9/7/2008 alle 12:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Ancora Tom Waits

racconti umani 8/7/2008

Oggi presento la traduzione di una canzone classica di Waits, cioè una canzone basata sull'alcolismo del protagonista che parla, sotto l'influenza dell'alcol, della sua vita. I pensieri sono dunque leggermente sconnessi ma creano immagini che, sebbene brevissime, comunicano il tormento e il dolore incolmabile, nemmeno dall'alcol, del protagonista.
Bisognerebbe aggiungere che da più parti viene la notizia che Tom Waits non beva, che sia addirittura astemio. Mi sembra poco probabile, considerando la sensibilità e comprensione delle dinamiche alcoliche di cui parla. La canzone segue il motivo tratto da "Casablanca", il famoso "A kiss is just a kiss" e introduce quindi un'atmosfera in cui l'ubriacone è assimilato a Rick (Humphrey Bogart) con una certa ironia. Insomma, ecco la mia traduzione della canzone, in calce le note e il link.


Fegato a pezzi e cuore infranto

Ho il fegato a pezzi e il cuore infranto, sì,
mi sono bevuto un intero fiume da quando mi hai ridotto s brandelli.
E non ho problemi con l’alcolismo, eccetto quando non trovo un goccio da bere.
Avrei voluto che la conosceste, eravamo proprio una bella coppia,
lei dalla mente fine come un rasoio e la tenerezza di una preghiera.
Dunque benvenuti al resto della saga, lei era la mia metà migliore,
e io ero solo un cane.
E così mi sono rannicchiato qua, mi hanno fatto il pelo e deriso seduto al bancone.
Qualcuno può comprare a questo scemo alcol e libazioni, è uno di quei bar delle stazioni e tutti questi capotreno e portantini, e io ho finito gli spiccioli.
Questo epitaffio non sono che i postumi, eh sì,
ho scelto la mia strada, e dai Kath,
E’ solo un avvocato, non è roba per te.
No, la luna non è romantica, mi fa una paura da morire,
e un tipo cerca di vendermi un orologio
E ti ritroverò al fondo di una bottiglia dei scotch da due lire. Mi è rimasta una bottiglia e un sogno, sono un piagnucolone a quanto sembra.
Puoi anche scegliere il tuo veleno, dai, mettiti a far casino
per l’amor di Dio, non sono mica un sentimentale,
non è una vendita, questo è solo un affitto, ed è un purgatorio,
hey, qual è il tuo problema? Francamente non me ne importa proprio niente,
ho la mia doppia croce da portare.
Scopri la tua etichetta rossa e alzo di uno,
Non puoi mica versarmi un taxi, non ce la faccio più a bere
perché non spegne i fuochi accesi dalle donne,
non fa proprio niente, te lo garantisco
se non convalidare i pettegolezzi che hai sentito.

_________________

"libazioni è un termine colto tratto dall'originale.
La frase sull'epitaffio è particolarmente bella in inglese "This epitaph is the aftermath".
"Piagnucolone" è la traduzione, forse maldestra, di "maudlin" che in inglese indica una persona che parla a vanvera piagnucolando quando è ubriaco.
Com'è evidente, "Francamente non me ne importa proprio niente" è una citazione da un altro film strappalacrime: "Via col vento".

ascolta la canzone



permalink | inviato da nefeli il 8/7/2008 alle 22:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

RAIN DOGS

racconti umani 7/7/2008

RAIN DOGS                                          CANI SPERDUTI
Diamonds and Gold                              Diamanti e Oro


The broken glass                                  i frantumi del bicchiere
And the rusty nails                                e le unghie arruginite
Where the violets grow                         dove crescono le viole
Say goodbye to the railroad                 Dai l’addio alle rotaie
And the mad dogs of summer              e ai cani impazziti dell’estate
And everything that I know                   e a tutto quello che so.

Chorus:                        Coro:
What some men will do here for diamonds    Cosa non farebbero gli uomini per i diamanti
What some men will do here for gold             cosa non farebbero per l’oro
They're wounded but they just keep               anche se feriti continuano la scalata
on climbin'   
And they sleep by the side of the road           e dormono ai margini della strada

There's a hole in the ladder                           C’è un buco nella scala
A fence we can climb                                     una recinzione che possiamo superare
Mad as a hatter                                             Matto come un cappellaio
You're thin as a dime                                    e smilzo come un centesimo
Go out to the meadow                                  Escitene per la pianura
The hills are agreen                                     le colline sono verdi
Sing me a rainbo                                          cantami un arcobaleno
Steal me a dream                                        rubami un sogno
.
Small time Napoleons                                 Un Napoleone da due soldi
Shattered his knees                                    si è spaccato le ginocchia
But he stays in the saddle for Rose           ma resta in sella per Rose
And all his disciple                                     e tutti i suoi discepoli
They shave in the gutter                           si fanno la barba nei vicoli
And gather what's left of his clothes         e raccolgono ciò che resta dei suoi vestiti

There's a hole in the ladder                          C’è un buco nella scala
A fence we can climb                                    una recinzione che possiamo superare
Mad as a hatter                                             Matto come un cappellaio
You're thin as a dime                                     e smilzo come un centesimo
Go out to the meadow                                   Escitene per la pianura
The hills are agreen                                      le colline sono verdi
Sing me a rainbo                                           cantami un arcobaleno
Steal me a dream                                         rubami un sogno

_______________________________________

Questa canzone di Tom Waits viene dall'album che Rolling Stone ha incluso tra i 500 migliori di tutti i tempi, ed è una raccolta di alcune immagini rubate alla vita di strada. I "rain dogs" sono i cani che hanno perduto le tracce della via di casa a causa della pioggia. Così sono gli uomini ritratti in questa canzone.
Alcune osservazioni: "rusty nail" è un famoso drink che si fa con whisky e drambuie.
"matto come un cappellaio" fa riferimento al "cappellaio matto" di Alice nel paese delle meraviglie, e l'intera espressione "matto come un cappellaio e smilzo come un centesimo" (difficilmente traducibile" è diventata una frase culto usata da vari gruppi musicali, tatuata sulla pelle di molti giovani - che spesso non ne conoscono l'origine-, nome di bar e di ritrovi.

Se volete ascoltare la canzone dà il titolo all'album: http://www.youtube.com/watch?v=Xzp5hdO4deQ&feature=related
Se volete sentire "Diamanti e oro"... boh, non la trovo




permalink | inviato da nefeli il 7/7/2008 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

porte

Poesie politiche 2/7/2008

Il corridoio è lungo e le porte sono tutte scure,
con un filo dorato intorno ai cardini e alle fessure,
incertezze della mano di un falegname.
Non poteva saperlo, non poteva,
che il corridoio si sarebbe popolato di sogni sconosciuti.
Artefice ignaro, aveva sbagliato, forse per grossolana arte
o forse perché una porta serve a nascondere, non a cancellare.
E poi, al di là del legno e della maniglia potrebbe non esserci niente,
solo un mondo che attende ancora di essere creato.



permalink | inviato da nefeli il 2/7/2008 alle 18:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa