.
Annunci online

nefeli

Il Tempio della Morte

fantascienza 21/5/2005

Fare il controllore dei Mondi non è una cosa facile quanto si pensi. Anche tralasciando i disagi degli spostamenti intergalattici e gli invecchiamenti e ringiovanimenti che si portano dietro, c’è da tener presente la trasmigrazione integrata delle conoscenze. Si finisce per far confusione. Mi son trovato un vecchio con dolori ovunque, cateratte al sistema visivo quando ero tra gli ipertrofici e ho veramente faticato a star dietro alle invenzioni aromatiche che quel popolo produceva. Mi era anche venuta una terribile allergia al loro sistema sonoro e il mio sistema linfatico era troppo vecchio e malandato a quel punto perché qualsiasi medicina induttiva potesse far presa senza uccidere il gruppo di riferimento centrale, o “pensiero”, come lo chiamano in qualche parte sperduta e primitiva della Galassia. Invece, ero un giovanotto pieno di confusioni e desideri quando mi trovavo tra gli Esseri della Dimora delle Libertà, che poi non è altro –per chi non li conoscesse—che un gruppo di oligarchi dediti alla distruzione sistematica del loro ambiente vitale per procurarsi piaceri inferiori e transeunti come mezzi di trasporto di un certo colore e il diritto di negare sostentamento ai loro simili.
Dieci rotazioni venusiane fa mi arriva l’incarico di andare ad esaminare il “Festival della Produzione Ultima”, che si svolgeva nel Tempio della Morte, a sei cubiti d’energia da casa mia. Ero contrariato. Come sapete, questa è proprio la stagione della decapitazione delle Forme Minori e se non mi ci fossi dedicato io stesso ne avrei trovate ovunque al mio ritorno. Ho dovuto appaltare il lavoro a una ditta di decapitatori e ognuno sa quanto siano indisponenti. Sapevo già che mi avrebbero consumato tutte le riserve di Condizionatore Inebriante, che mi ero procurato a fatica dai Distillatori Intergalattici. Ma che ci potevo fare?
Dunque sono partito verso il Mondo della Nebbia, quel puntolino caotico che ancora non ha percezione dell’esistenza degli altri Mondi. Forse non tutti sanno quale sia la popolazione che lo abita. Si sentono tante storie su quel Mondo e vorrei sfatare alcuni miti. Prima di tutto non è vero che abbiano trovato il modo di preservare le loro risorse. Le proposte dei più avanzati di loro sono sistematicamente ignorate e, nonostante tutti qui siano convinti che il loro sistema d’esistenza sia molto poetico, ancora primordiale e diretto, hanno costruito invece un sistema di comunicazione artificiale che serve solo a nascondere le informazioni anche a coloro che le producono. La mistificazione regna sovrana e  nessuno sa bene quale sia il motivo della loro esistenza.
Propio così. Non lo sanno. La trasmigrazione integrata della conoscenza mi ha fatto un quadro deludente del loro stadio di sviluppo e mi son trovato fresco e forte, ancora nel pieno delle mie forze (sei cubiti d’energia non è una grande distanza) di fronte al Tempio della Morte che è una dimora di materiale opaco (vivono ancora in strutture fisse in quel Mondo) su cui venivano proiettate delle immagini incongrue e spezzate della dimora stessa. La prima impressione che ho avuto è stata di un sistema di articolazione che, nelle sue forme “moderne” (secondo il loro concetto di modernità) si limitava alla frantumazione delle forme e della conoscenza per riproporle poi in strutture ripetitive. Il Festival conisteva nella riproduzione ossessiva di moduli brevi e ritmici la cui iterazione non sembrava dar noia a nessuno e anzi, molti sembravano inebriarsi di tale ripetizione.
Gli esseri di questo Mondo trasportano i loro corpi su due forme oblunghe attaccate a un cilindro bitorzoluto in metà della popolazione e liscio nell’altra metà. Pare che loro trovino questa differenza di consistenze e disposizione dei baricentri molto eccitante. Utilizzano delle specie di fari spenti per incamerare informazioni visive, ma quasi sempre dissentono su ciò che hanno percepito, per via, credo, della rozzezza del loro sistema visivo che non passa quasi mai dal vaglio attento di un sistema di controllo centrale (che, mi pare di aver capito, chiamano “cervello”).
L’ingresso al Tempio era condizionato dal possesso di un materiale grezzo a forma lanceolata che loro consegnavano a un cubicolo disponendosi in file disordinate. Alcuni avevano accesso grazie a un sistema a noi sconosciuto. Mi è sembrato di capire che attraverso i loro fari spenti si mandano dei messaggi di riconoscimento che permette l’ingresso senza l’utilizzo del materiale lanceolato né la pena di stare in fila.
All’interno la sonorità era insopportabile. Il volume era troppo alto perché il loro sistema centrale di riconoscimento possa restare in uno stato di quiete e un continuo pulsare profondo (che somiglia a un mmmm-pum  mmm-pum) modificava il loro sistema cardiaco indipendente. In generale, tutti sembravano aver prestato enorme attenzione alla loro apparenza, mettendo in vista le deformità dei loro tronchi o dividendo con cura delle masse pilifere che gli crescono nell’estremità superiore. Tuttavia, non mostravano altrettanto interesse o attenzione per l’ambiente che li circondava. Gettavano ovunque dei piccoli cilindri da cui aspiravano una sostanza fumosa e procuravano fori nella pavimentazione soffice. Tutti si muovevano come guidati da una motivazione sconosciuta. Per esempio, si spostavano attraverso una grande sala in cui venivano proiettate delle immagini ripetitive e prevedibili urtando gli altri e guardando fisso avanti. Ne ho seguito qualcuno per capire dove si recassero con tanto interesse. In realtà, si spostavano e basta. Mi è sembrato che non vi fosse alcun posto in cui fosse interessante recarsi, ma gli esseri di questo Mondo si spostano soprattutto senza motivo.
Molti di loro ingerivano sostanze inodori che li rendevano pallidi, privi di sensazioni e di ricordi e li facevano stramazzare a terra rigurgitando in forma liquida cose che di solito ingeriscono in forma solida. Gli altri, alla vista di tale scempio, correvano a ingerire le stesse sostanze intossicanti. Affascinante.
Il loro Mondo è pervaso da un rumore caotico continuo e vagamente spiacevole. Questo rumore viene poi dissezionato in forme semplici, come un semplice ripetuto “bip” e presentato a volume altissimo da alcuni degli Esseri che, per motivi che non sono riuscito a chiarire, vengono posti su una pedana nel Tempio della Morte. Questi Esseri sono identici a quelli che si muovono senza motivo sotto la pedana ma tengono delle sfere sul loro sistema auditivo e spingono dei pulsanti. Fanno cose che un qualunque altro essere sotto la pedana sarebbe in grado di fare, ma sembra che chi sta sotto la pedana goda dello spettacolo di ciò che loro  stessi potrebbero fare. Le immagini che gli venivano presentate insieme a quei ritmi semplici erano di gran lunga meno complesse, meno affascinanti di quelle che ho visto fuori del Tempio, ma credo che la Morte eserciti su loro un fascino perverso. E credo anche che loro identifichino la morte con l’insensata ripetizione di qualcosa di prevedibile.
Ho guardato a lungo le immagini proiettate in modo vagamente nauseante (fasci luminosi venivano casualmente proiettati anche sul sistema visivo di quelli sotto la pedana, accecandoli brevemente) e non sono stato in grado di trarre alcuna conclusione logica. Mi sembra che si riducano al movimento di bastoni e riquadri monocromi, che per di più vanno al ritmo delle semplici ripetizioni sonore di “bip” e “unz” e “mmm-pum”. Ho anche pensato che forse questi esseri sono ciechi, ma poi mi sono dovuto ricredere perché attraverso il loro sistema visivo selezionano nel mucchio altri esseri di cui non sanno niente ma che avvicinano attratti dalla forma più o meno bitorzoluta che presentano. Una cosa notevole da riportare è che tutti assumono la stessa espressione quando si avvicinano a tali forme da cui sono attratti.
Ne ho seguiti alcuni e mi è parso di capire che il fine di tali avvicinamenti sia portare l’altro essere lontano dal gruppo per toccarlo. È probabile che questo sia il comportamento riproduttivo di questi esseri. Affascinante.
In conclusione, queste forme di vita hanno presentato tutti i difetti delle esistenze che noi chiamiamo “inconsce”, cioè di forme guidate nel loro esistere da una congerie di istinti che li rendono uguali l’uno all’altro. Il tratto curioso che presentano è che credono, ognuno di loro, di essere diversi dagli altri, di essere unici.
Ho deciso di scrivere al Comitato Centrale per richiedere l’eliminazione di questo Mondo (che loro chiamano “Terra”) dai Mondi sotto osservazione e, soprattutto, richiederò che non mi mandino più a un tale Festival che loro chiamano “di Musica Elettronica”.




permalink | inviato da il 21/5/2005 alle 12:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

Science fiction for dummies II

fantascienza 28/4/2005

Dopo essermi riconciliato con il mio appartamento, dunque, mi accinsi a cercare l’appendiabiti per poggiarvi il mio cappotto. Non c’era all’ingresso… dove poteva averlo messo Marina? Entrai nella sua testolina mutevole e cercai nei posti più improbabili. Infatti lo trovai in camera di ripiego, l’ultima della casa. Marina era sul ripiegante che guardava un laser che disegnava arabeschi sul muro.
“Amore, ma che ci fa l’appendiabiti qui?”
Marina sobbalzò e mi sorrise subito correndomi incontro.
“Alamir, tesoro!” e mi diede un bacio. “Non vedi?” chiese, “E’ la stanza più bella della casa; è un peccato ogni volta dover trovare una scusa per mostrarla agli amici. Per evitare affettazione, che so che a te non piace, l’ho messo qui, l’appendiabiti. Dovranno pur venirci a lasciare i loro soprabiti, no?”
Marina sorrise di nuovo. Era così bella, così simpatica nel suo modo di saltellare quando era allegra. Mi venne voglia di chiudermi nella camera sterile con lei, ma già era scomparsa in cucina. La seguii cominciando a raccontarle la mia giornata.
“Sono passato dal motoarticolatore come mi avevi detto tu…”
“Ah, sì?” fece lei cristallina. Le guardavo le gambe passare attraverso il corridoio e attraverso la porta a vetri della cucina. Ero così affascinato dal suo modo di muoversi che quasi mi dimenticavo di aprire la porta per entrare anche io. Lei si voltò.
“Una volta o l’altra ci sbatterai e la manderai in pezzi! Devo ricordarmi di tenerla aperta per te.”
“Mh.” Mugugnai. Mi sentivo sempre un po’ inferiore quando sottolineava le differenze tra i nostri sottogruppi.
“Che dici, provo anche io a fare domanda per salire a semi-Biutello?”
“Ancora! E’ pericoloso, lascia stare. E poi, a che serve? Solo per lo sfizio di poter passare attraverso i materiali soffiati? Dài, non t’impuntare come al solito. Ricordi quella volta che decidesti che dovevi a tutti i costi acquistarti qualche paio di Prassitoestensori?”
Aveva una memoria prodigiosa, totale, spietata. Già, una delle caratteristiche del suo sottogruppo. La memoria…
“E ancora ci penso, se lo vuoi sapere! Ma scusa, non avrei bisogno di mangiare, di dormire, non prenderei malattie…”
“Ma a nessuno piacciono i Prassiti! Tranne ai Corporei che, per qualche motivo, trovano affascinante stare accanto a qualcuno completamente dipendente da loro… Ma lasciamo andare per oggi, eh? Ho preparato tante belle cose!”
Stava finendo di tagliare le fibre ottiche e le dispose con grazia su due piatti. Aveva un gusto straordinario nel disporre la cena.
Andammo in sala e posammo i piatti sul tavolo, ognuno sul suo cromodilatatore. Le sorrisi e lei mi prese la mano.
“Guarda” disse con la voce che era un sospiro, e sorrise guardando i cromodilatatori.
Subito si accesero i diffusori e le fibre ottiche si sollevarono all’altezza dei nostri occhi. Alcune delle mie, quelle disposte più lontane dalle sue, s’incurvarono formando delle sfere trasparenti e muovendosi verso il basso si spinsero dall’altro lato verso le sue, passando sotto le altre mie. Le sue invece si spostarono tutte in avanti e si divisero in due gruppi che si colorarono uno di viola e l’altro di verde.
Mi voltai a sorriderle perché avevo capito cosa aveva pensato di fare. Lei mi restituì un sorriso complice e ripeté: “Guarda” sempre in un soffio.
Le viola e le verdi si disposero in due cerchi concentrici che cominciarono a ruotare in senso opposto, l’uno disponendosi in verticale, l’altro in orizzontale, come le orbite che avvolgono il nostro pianeta. Quando arrivarono le mie sfere, un raggio verdino le colpì ed esse sibilando si inserirono nel cerchio più interno. Ammirai la sua maestria nell’essere riuscita a programmare l’operazione senza che l’entrare delle mie sfere interrompesse il ruotare delle sue fibre. Sorrisi di nuovo, ma stavolta senza voltarmi e sapevo che anche i suoi occhi erano incollati a guardare la scena che lei stessa aveva immaginato e ora osservava con un misto di apprensione e di sorpresa per le variabili che sempre ci sono in una cena cromoluminare. Le mie sfere levitavano muovendosi leggermente in alto e in basso mentre le sue fibre continuavano a ruotare. Tornai a guardare le mie altre fibre che erano rimaste sospese e che erano la variabile di quella cena, per come aveva disposto Marina. Anche lei si voltò e sentii che tratteneva il respiro. Erano cinque. Due volarono verso il mio volto e istintivamente mi ritrassi un po’, mentre altre due volarono verso il suo, ma lei non lo ritrasse, chiuse gli occhi e sorrise. Tracciando un otto in aria, ciascuno dei due gruppi di fibre cominciò a sibilare intorno al mio viso, passando tra noi due e andando a sibilare intorno al suo. Chiusi gli occhi anche io, dopo aver fissato lo sguardo sulle orbite viola e verdi che incorniciavano le mie sfere. Il sibilo era costante, frusciava sfiorandoci e sentivo il calore del raggio vettoriale sopra i cromodilatatori allargarsi a comprendere anche noi due. Gradatamente il sibilo si fece più melodico, una sorta di nota, forse un fa diesis, e lo sentivo passare dalle orecchie fin dentro alla testa e crescere, crescere fino a che aprii gli occhi di scatto e vidi l’ultima mia fibra che si scagliava contro alle orbite infrangendone il moto e facendo così cadere queste e le mie sfere sul suo piatto. Le altre fibre si erano consumate nel sibilo e sentivo che erano entrate nella mia testa. Lasciai che il raggio al cromo trasferisse le molecole delle fibre attraverso le mie pupille e sentii quanto erano colorate di leggero. Mi voltai a guardare Marina che mi lanciò uno sguardo gonfio di amore e la baciai.




permalink | inviato da il 28/4/2005 alle 15:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

Science fiction for dummies

fantascienza 25/4/2005

Inauguro la nuova rubrica dedicata alla fantascienza e vi presento il primo personaggio. Buon viaggio.
________

La memoria immortale
Solo dopo aver chiuso la porta riconobbi dove mi trovavo. Mi capita spesso di non riconoscere il mio appartamento a luci spente. A volte addirittura non lo riconosco nemmeno quando le ho accese. Per un attimo mi sento spaesato, con uno spiacevole senso di déjà vu, di quotidiano con un che di inaspettato, o forse solo fuori posto. Non mi piace sentirmi prigioniero della memoria e tornare a casa mi dà quasi sempre la sensazione di non saper mettere in ordine i miei ricordi più ovvii: dove si trova l’apprendìmetro, cosa ho lasciato sul buoniario l’ultima volta, dove avevo messo il pivotale…
Marina, la donna con cui dividevo la casa e la vita, invece, amava trasformare il nostro appartamento ogni minuto. Non era mai soddisfatta della posizione degli oggetti, della disposizione delle luci, nemmeno del colore delle tende. Del resto lo sapevo e me lo aspettavo che agisse così. Avevo studiato anche io a scuola! Eppure sembrava ancora tanto strano sperimentare nella vita reale quello che avevo imparato astrattamente.
Marina è una Biutella, e ovviamente ha una personalità instabile, una nevrosi costante che la spinge a trovare sollievo nel continuo mutamento delle conoscenze, degli interessi e persino della disposizione degli oggetti. Quest’ultima doveva essere una di quelle cose che sul libro di testo sono scritte più in piccolo, in margine alla pagina sotto la dicitura: approfondimenti. Roba che nessuno legge e che il professore non chiede mai. Ricordarsi le caratteristiche dei 75 tipi di cromoluminari era già una parola, senza contare tutti i loro sottogruppi: i Mutevoli, gli Asclepiadi, le Zorbe… ricordo, tutte femmine e sterili.
Ma sto divagando, ed è anche normale, essendo io un Vagolato. Mi piaceva leggere e rileggere a scuola le poche righe che definivano il mio sottogruppo: “Originariamente esclusi dalle antiche società, per loro scelta, per forza delle contingenze o per entrambi i motivi, i Vagolati sono sempre stati in gruppi isolati, spesso senza nemmeno formare gruppo tra di loro, ma rimanendo chiusi ognuno nella loro dimensione personale che non gli faceva riconoscere facilmente nemmeno gli appartenenti al loro stesso sottogruppo. In seguito, attraverso incroci con i Forzati, l’unico altro sottogruppo che accettasse di accoppiarsi con loro, si sono stabilizzati, imponendo l’estinzione quasi totale dei Forzati, dotati di caratteristiche genotomiche non dominanti, ed essi hanno acquistato la stabile forma che conosciamo ora. Imprecisi ma profondi nell’analisi dei loro simili, sensibili fino all’istinto di autodistruzione ma anche distratti al punto di causare grandi mutamenti, come appunto l’estinzione di un’intero sottogruppo, senza nemmeno accorgersene, forti nelle loro menti eppure tormentati da manie persecutorie che impediscono loro di prendere una posizione stabile nella vita. Dei Vagolati non si sa molto di più, anche perché nessuno di loro ha mai compilato un manuale descrittivo del loro sottogruppo. Sono rimasti numerevoli appunti, abbozzi, tentativi mai però portati a compimento.”
Non mi diceva molto e mi faceva sempre pensare che ci fosse una tendenza denigratoria, una sorta di antipatia diffusa verso il mio sottogruppo, del resto abbastanza esiguo, da parte degli altri sottogruppi. Almeno nella categoria dei cromoluminari. Degli Integri non si sapeva quasi nulla, se non leggende che li ritraevano come la sintesi di tutte le nostre parcellizzazioni.
Io non ne ho mai visto nessuno, né conosco nessuno che ne abbia visti. Vivono in tutt’altra traslazione del resto e sarebbe comunque impossibile incontrarli se non attraverso i macchinari del Cerchio Cromatico, che sono costosi e ancora sperimentali.




permalink | inviato da il 25/4/2005 alle 13:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa